Cerca
  • Eleonora Montanari

Nella capsula del tempo


Quando la passione per il lusso diventa un lavoro ci sono momenti in cui puoi permetterti di unire l’utile al dilettevole. Come? Dedicando un’intera mattinata a un’esposizione come la Time Capsule di Louis Vuitton.

Lo ammetto, arrivo un po' in ritardo con questo post, ma vale comunque la pena scriverlo.

Entrare nella capsula del tempo di Louis Vuitton è stato come viaggiare alla scoperta della storia e delle innovazioni introdotte dalla Maison francese. Un viaggio affascinante, che mi ha portato a scoprire oggetti unici, provenienti dagli archivi storici di Louis Vuitton.

È il 1854 quando Vuitton apre la sua ditta di bauli e articoli da viaggio in Rue Neuve des Capucines a Parigi, un'epoca in cui i trasporti via treno e in seguito in automobile diventano parte integrante della quotidianità. Un'epoca in cui la Maison Louis Vuitton inizia a crescere e ad espandersi, ispirata dal desiderio di esplorare nuovi orizzonti e di accompagnare, con le sue creazioni emblematiche, un mondo in continuo movimento.

Le valigie di Monsieur Vuitton diventano non solo uno status symbol ma anche un pratico acquisto: i bauli erano – e continuano ad essere – impermeabili, per prevenire che abiti e accessori venissero danneggiati.

Passato e presente | Baule storico e Petite Malle

E proprio il baule da viaggio è l'oggetto che meglio rappresenta la Maison, in quanto ne racchiude tutti i codici.

- Minuteria: gli elementi in metallo che proteggono gli angoli di ogni baule, la serratura, inespugnabile, e le strisce metalliche di rinforzo della struttura.

- Materiali: le tele e la pelle.

- Le inimitabili tele stampate, come la tela Trainon, la tela Damier e la tela Monogram.

Le inimitabili tele stampate

- Il malletage, ovvero il motivo a rombi usato inizialmente per foderare l'interno dei bauli, con nastri di tessuto per mantenere gli oggetti a posto.

Percorrendo la capsula del tempo ho potuto conoscere curiosi oggetti di lusso, come il kit per lo chauffeur, in tela Vuittonite. Indispensabile per trasportare tutto il necessario durante i viaggi in automobile e che poteva essere usato anche come cappelliera.

L'ultima reinterpretazione fatta di questa interessante creazione è la Petite Boite Chapeau, un oggetto delizioso presentato con la collezione Cruise 2018 durante la sfilato presso il museo Miho, in Giappone.

Un altro oggetto curioso è la Malle-lit, ovvero il baule letto creato intorno al 1868 per il viaggio in Congo dell'esploratore Pietro Savorgnan di Brazzà.

Malle-lit, diventata poi famosa come Malle Brazza | 1854

Reinterpretato dal designer olandese Marcel Wanders, che ha creato una struttura modulare facile da trasportare, con cinghie in cuoio che collegano i moduli l’uno con l’altro, quando la seduta è chiusa o aperta, e che rimandano ai dettagli degli emblematici bauli della Maison.

All'interno della capsula, con i suoi pezzi storici e contemporanei, ho potuto vedere chiaramente come i codici originali sono presenti in ogni nuova creazione...

... e conoscere oggetti davvero molto originali.

Valigia "da lavoro" di Ferran Adria, in tela Damier

Baule realizzato per la ditta Mahou. Può contenere ben 136 birre!

La Malle Fleurs, un oggetto emblematico creato negli anni Dieci,

che nasce come omaggio per i migliori clienti della Maison

La capsula del tempo è stata in grado di raccontare una storia affascinante, fatta di passione e talento creativo. La storia di Louis Vuitton.

#LouisVuitton #TimeCapsule #Monogram #Damier #Madrid #ThyssenBornemisza

31 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Flora